Gerardo Luigi Mereu

Via Giovanni Maria Platina, 33, Cremona, CR, Italia

+39 333 2244514

gerardoluigi.mereu@gmail.com

Gerardo Luigi Mereu

Specializzazioni
Costruzione
Riparazione e restauro (strumenti e arco)
Montatura e messa a punto personalizzata del quartetto.


Nato il 6 dicembre del 1984 in provincia di Napoli, l’anno seguente si trasferisce con la famiglia in provincia di Piacenza. A 13 anni, grazie anche alla vicinanza geografica e guidato dall’amore che ha sempre nutrito per la musica e il legno, sceglie di cominciare il suo cammino nella strada della liuteria.

Sotto la guida del maestro Ezio Scarpini per i primi due anni, apprende le tecniche fondamentali dell’affilatura e mantenimento dell’attrezzatura liutaria, imparando anche a costruire attrezzi e modelli, indispensabili per la creazione e il restauro degli strumenti musicali. Completa i rimanenti tre anni con il maestro Massimo Ardoli con il quale costruisce e vernicia 2 violini. Durante il 4° e il 5° anno svolge l’attività extra di corsi formativi di liuteria forniti dall’Ente Regionale.

Ottenuto il diploma di maturità, per il tirocinio viene assegnato alla bottega del maestro Giorgio Grisales, sotto la cui cura riesce a completare un violoncello e ad ottenere così il diploma di secondo livello con il seguente titolo di Liutaio.

Nei seguenti 5 anni rimane sotto la guida del Maestro Grisales costruendo l’intero quartetto.

Successivamente riceve una proposta che gli permette di seguire la sua aspirazione nel diventare restauratore, grazie alla quale ne ricopre per 3 anni il ruolo presso la Jecklin a Zurigo (CH) sotto la guida del Maestro Andrea Bozzini.

Ritornato a Cremona continua la strada del restauro e della costruzione affermandosi sempre maggiormente nel mondo dei musicisti per la messa a punto personalizzata dello strumento, con particolare rilevanza all’acustica e comodità.

Ad oggi la sua produzione vanta la completa costruzione del quartetto e il restauro dello stesso.

Inoltre offre servizio di incrinatura e riparazioni dell’archetto.