leonidas_100x100

Rafaelian Leonidas

Via Beltrami, 28, Cremona, CR, Italia

+39 0372 750411

+39 0372 750411

leonidas@leonidasrafaelian.com
www.leonidasrafaelian.com

Rafaelian Leonidas


Leonidas Rafaelian è uno dei più conosciuti liutai di Cremona dove, per molti anni, ha condotto una bottega nel centro storico della città. Nato in Atene, ha iniziato a suonare il violino all’età di 7 anni ed ha frequentato la scuola di musica sotto la tutela di Ruben Avertisian e Kima Bagdasarian.
Dal 1968 al 1970 si è esibito con l’orchestra Sinfonica RT di Yerevan e si è diplomato in viola al Conservatorio della capitale armena sotto la guida del Prof. Hacop Sandalghian. L’anno seguente ha iniziato a suonare con l’Orchestra Sinfonica di Miskolc, Ungheria.
nel 1991 si è trasferito in Italia dove ha studiato per 4 anni con il Maestro Gio Batta Morassi.
Leonidas ha ricevuto il diploma di liutaio nel 1995 con la guida del Maestro Giorgio Scolari e da allora ha partecipato a vari concorsi per liutai ed ha vinto premi prestigiosi, incluso l’International Tchaikovsky Competition di Mosca nel 1998 e la National Competition di Baveno (Italia) nel 1999 e nel 2001 con rispettiva medaglia d’argento.
Leonidas ha collaborato con numerosi musicisti: David Oistrakh, Dimitri Sostakovich, Aram Khatchatourian, July Jankelevich, Leonid Kogan, Jakkob Flier, Boris Goldstein, Svjatoslav Richter, Melik Bashaev, Manuk Parikian, Zare Saakiantz.
Per il Maestro Mstislav Rostropovich, ha costruito un violoncello su modello dello “Storioni 1760” per Zakhar Bron un violino modello “Guarneri 1739”; un violoncello copia di “Storioni 1760” per David Geringas. Il Maestro Rostropovich, a Cremona il 9 ottobre 2004 e a Bari l’11 ottobre 2004, ha suonato il concerto in C maggiore Joseph Haydn con un suo violoncello. Per Maxim Vengerov e Shlomo Minz, ha eseguito due violini su modello Stradivari “Kreutzer 1727” e Guarneri del Gesù “Vieuxtemps 1741”.
Ha collaborato con il grande pedagogo Z. Bron, i sui allievi M. Vengerov e V. Repin, O. Maisenberg, V. Spivakov, J. Bashmet, J. Rachlin e N. Znaider e molti altri ancora: M. Maisky, G. Kremer, D. Geringas, B. Belkin, D. Swarzberg, L. Kavakos, K. Georgian, G. Nikolic, S. Krylov, N. ed A. Boyarsky.